venerdì 10 novembre 2017

Gole della Rossa, Parete Oggioni - I Bivi della Solitudine - 240m - 6b

Tanto di cappello a Daniele Moretti che ha aperto i primi quattro tiri in solitaria e poi con altri compagni questa bellissima via su difficoltà continue e con tiri quasi mai banali.
Battesimo interessante alle Gole della Rossa che ha creato tutti i presupposti per tornarci (prima che faccia troppo freddo)


mercoledì 27 settembre 2017

Corno Piccolo - Kikos - 180m - V

Questa non era esattamente la via che volevamo andare a fare... le intenzioni erano tutt'altre, ma giunti all'attacco della nostra prima scelta, osservata la partenza, l'assoluta mancanza di proteggibilità, la conigliaggine ci ha prepotentemente pervasi.
Quando il proprio coniglio si sveglia è sempre cosa buona e giusta farlo saltellare in giro. Così abbiamo ripiegato su questa più facile e piacevolissima via.




martedì 8 agosto 2017

Corno Piccolo - Il Vecchiaccio (usc. Aquilotti '72) - VI - 210m

Che dire sulla più classica delle classiche del Corno Piccolo? Su roccia clamorosamente magnifica, difficoltà contenute, al sole (forse anche troppo date le temperature di questo periodo), proteggibilissima e attrezzata quello che serve?
Che dire?
Probabilmente l'unica cosa da fare è andarla a scalare.

La bella placchetta rigole dalla sosta del primo tiro

martedì 27 giugno 2017

Corno Piccolo - Diabolik (3L) + Kikos (2L) - 160m - VI+

Andiamo in fuga dal caldo per finire su una parete nord che d'estate, con il sole a picco, prende il sole senza scampo. In compenso siamo soli nella zona di montagna che ci siamo scelti, la roccia è fantastica e le temperature sono umane. La via è ben attrezzata, le soste abbastanza solide, l'arrampicata piacevole e con la giusta dose di pepe che insaporisce la giornata.


La bella placconata d'attacco della via

giovedì 15 giugno 2017

Corno Piccolo - F.I.R.S.T. - 250m - V+

Le idee erano tutt'altre, ma il sonno, l'ansia (mia e del socio), la cabinovia ancora chiusa, alcune congiunture astrali hanno dirottato le nostre aspirazioni arrampicatorie su questa via di Cantalamessa. Un itinerario non eccessivo ma da non sottovalutare.

Il grande tetto giallo prima dell'attacco della via e, in secondo piano, il mitico pancione